Dieta sana ed equilibrata, ma sai davvero cucinare?

Per seguire una dieta sana ed equilibrata è necessario acquistare i cibi giusti, ma poi si è in grado di cucinarli? La domanda è d’obbligo visto che non mancano coloro che si ritengono degli aspiranti chef quando invece i loro piatti lasciano a desiderare. Ebbene, per chi ha 30 anni e si ritiene davvero indipendente in cucina deve essere in grado di cucinare almeno 30 piatti ‘base’.

A metterlo in evidenza su Repubblica.it è Eleonora Cozzella che ha elencato i 30 piatti che bisogna saper cucinare se si vuole andare a vivere da soli. Si parte, nel dettaglio, con il classico spaghetto aglio olio e peperoncino per poi passare al pollo al forno con patate, ai pomodori ripieni di riso, alla peperonata, al pesto, alle polpette al sugo ed al purè di patate.

Nel menù ‘minimo’ di chi vuole essere indipendente ai fornelli rientra pure il saper preparare il ragù, spaghetti o linguine alle vongole, la carbonara, la cotoletta, il brodo, il risotto allo zafferano, i funghi trifolati, le lasagne, il pesce al forno, la parmigiana di melanzane, i bucatini all’amatriciana, la frittura di pesce, la frittata, ad esempio di spinaci.

Siamo arrivati a 20, ma non abbiamo ancora finito in quanto altri dieci piatti ‘base’ che bisogna saper cucinare, sempre secondo Eleonora Cozzella, sono i seguenti: insalata di riso, minestrone, burger con pane nostrano, spezzatino con i piselli, il guacamole che è una salsa di origine messicana a base di avocado, il classico ciambellone, il tiramisù, la crostata, il salame di biscotti e cioccolato, ed i bon bon al cocco.

Tra primi, secondi, verdure e dolci, quelli indicati sono piatti non troppo elaborati che tutti i giovani dovrebbero essere in grado di preparare in corrispondenza di un’età che di norma segna la fine degli studi universitari, ed il distacco dalla casa dei genitori per andare a vivere da soli.

Related Posts

About The Author

Add Comment