Dimagrire con le alghe commestibili, le migliori verdure di acqua marina

Tra i tanti metodi e rimedi per dimagrire c’è quello che prevede di inserire nella dieta le alghe commestibili che, tra l’altro, oltre a fungere da sostitutivi del pasto vengono utilizzate ampiamente in campo industriale per produrre tanti tipi di integratori alimentari. Ma con le alghe si dimagrisce davvero? Ebbene, di certo il loro effetto non è miracoloso ma, insieme a tutti gli altri nutrienti che servono per la dieta, queste possono essere inserite in ragione del fatto che alcune alghe commestibili sono molto ricche di iodio e di selenio, ed in generale hanno un elevato potere saziante.

Il modo migliore, anche perché più pratico, è quello di assumere gli estratti delle alghe commestibili attraverso gli integratori alimentari. A tal fine è bene rivolgersi ad un esperto erborista segnalando che tra le alghe commestibili più note, anche in ragione dei benefici che apportano, ci sono le le alghe arame, le dulse, le hijiki, e le alghe kanten che sono note per essere alla base degli estratti dell’agar agar.

Ma ci sono anche le alghe kelp, che hanno un colore verde-bruno, le klamath, che si possono trovare in commercio sotto forma di tavolette, le alghe kombu, le nori, l’alga spirulina e l’alga wakame. Quest’ultima, tra l’altro, è nota per essere insieme all’alga kombu uno tra gli ingredienti principali della zuppa di miso che è un piatto tradizionale della cucina giapponese.

Nel complesso le alghe commestibili presentano a livello nutrizionale il vantaggio di essere ricche di fibre e nello stesso tempo di avere un basso contenuto di calorie e di grassi. Inoltre, i carboidrati presenti nelle alghe sono buoni in quanto caratterizzati da bassi indici glicemici, mentre è alta, come sopra accennato, la concentrazione di minerali e vitamine senza dimenticare pure l’elevato contenuto di acidi grassi polinsaturi includendo anche i preziosi omega-3.

Related Posts

About The Author

Add Comment