Dimagrire, la velocità nel perdere peso fa la differenza

Avete fatto una dieta che vi ha permesso di perdere tanti chili in poco tempo? Attenzione! La velocità nel perdere peso fa la differenza per la salute ed anche per i rischi di rimettere i chili persi con gli interessi. Con le diete che sono troppo ipocaloriche, infatti, si va ad alterare quell’andamento fisiologico che poi rischia di mettere a repentaglio la salute anche in maniera molto grave. Non si può dire ad esempio a priori che con una specifica dieta si può perdere un chilo a settimana senza rischi.

Tutto dipende dal metabolismo ed anche dai chili iniziali di troppo. Ad esempio, chi è al limite dell’obesità è chiaro che all’inizio può perdere anche 3-4 chili in un mese, ma chi ha solo 4-5 chili in sovrappeso deve tenere un regime alimentare tale da perdere peso un po’ alla volta, ed esempio non più di mezzo chilo al mese. In questo modo i chili persi saranno spalmati in un arco temporale tale che il nostro metabolismo non sarà alterato, non ci saranno rischi per la salute, e non si rischierà l’effetto fisarmonica che poi porta a riprendere i chili persi in breve tempo.

Inoltre, indipendentemente dai chili da perdere, è bene farsi prescrivere la dieta da un nutrizionista che, di sicuro, consiglierà anche di fare 20-30 minuti di attività fisica al giorno anche blanda tipo una camminata a passo veloce senza la necessità, ad esempio, di dover andare giornalmente in palestra. Ci sono tra l’altro studi che dimostrano come, a parità di sforzo, la corsa all’aria aperta sia più efficace rispetto a quella che magari si svolge in palestra sopra il tapis roulant.

L’attività fisica, anche se a ritmi non intensi, è importante che venga svolta ogni giorno non solo perché si bruciano calorie, ma anche perché si evita il rallentamento del metabolismo che è invece il problema di chi vive una vita sedentaria.

Related Posts

About The Author

Add Comment